Territorio

    Abruzzo, “terra degli olivi”
    Un territorio sospeso tra mare e montagna, dalle condizioni climatiche eccellenti per la coltivazione dell’olivo, fin dal V secolo avanti Cristo.
    Il territorio teramano è noto per la produzione di un eccellente olio fin dall’epoca degli Italici, che abitavano queste zone prima della conquista romana. “Ager Pretutians” era già allora “terra d’olivo” e a quel popolo si deve il nome dell’extravergine D.O.P “Pretuziano delle colline Teramane”, una dei tre oli abruzzesi a cui è stata riconosciuta la denominazione di origine protetta.

    Le cultivar
    Dritta: Pianta rustica, molto apprezzata per l’elevata e costante produttività. 
I frutti maturano precocemente e si prestano alla raccolta meccanica perché dotati di una bassa resistenza al distacco. Il contenuto in olio è medio.

    Leccino: Originaria della Toscana, si è diffusa in molte regioni d’Italia. Mediamente vigorosa, con una buona resistenza al freddo, produce olive carnose di colore nero corvino alla maturazione da cui si ricava olio di buona qualità.

    Frantoio: Tipica cultivar della Toscana. Ha una produttività elevata e costante. Dalle sue drupe, che al momento della raccolta assumono un color rosso vinoso, si ricava un olio di eccellente qualità, di colore verde e sapore fruttato.

    Tortiglione: pregiata ed intesa cultivar autoctona della provincia di Teramo e Pescara. Alla particolare conformazione ritorta del tronco si deve il nome della pianta, apprezzata per l’olio intensamente aromatico, ricco in polifenoli, di colore verde intenso, dal sentore di erba fresca e noce e dal sapore amaro e piccante.

    Carboncella: diffusa nelle province di Roma e Rieti, ma anche in Umbria, Marche e Abruzzo. Si adatta bene anche a terreni calcarei a bassa umidità. Presenta drupe di dimensioni medie che assumono un colore nero-bluastro a maturazione, da cui si ricava un olio di ottima qualità, tipico della Sabina.

    Castiglionese: Varietà presente soprattutto negli oliveti del comune di Castiglione Messer Raimondo e comuni limitrofi. Albero con caratteristici rametti lunghi e penduli nella parte bassa della chioma. Varietà a diffusione limitata, di buona ma purtroppo bassa resa in olio. Epoca di maturazione delle olive media, con ottime caratteristiche organolettiche.

    panorama03